Le pesche

La Pesca è il frutto dell’albero di Pesco, tipico della stagione estiva.

L’albero di Pesco vanta una storia antica: è originario della Cina, dove era simbolo di immortalità, e poi è arrivato in tutte le zone del Mediterraneo e negli Stati Uniti che oggi sono il maggiore produttore.

Esistono diverse tipologie di pesche, che si distinguono principalmente per la loro polpa (bianca o gialla) e per la buccia (con o senza peluria).

Sia la medicina cinese che quella occidentale attribuiscono a questo frutto notevoli proprietà salutari depurative e digestive.

Sono infatti ricche di calcio, fosforo, potassio, magnesio, zolfo, ferro e manganese.

Ciò che le rende particolarmente gustose è il fatto che siano naturalmente dolci e succose, infatti contengono circa il 10% di fruttosio, l’89% di acqua e l’1% di fibre, minerali e vitamine (la vitamina C è la più presente).

L’interno del nocciolo è a forma di mandorla, e spesso viene impiegato in Pasticceria come “mandorla amara”. Tuttavia contiene l’acido cianidrico, potenzialmente tossico per l’organismo, quindi va impiegato con moderazione. Anche se il gusto amarissimo rende impossibile eccedere con le dosi.

Si possono lavorare in tanti modi: confetture, sciroppate, disidratate, per fare succhi di frutta, ecc…

In Pasticceria si impiegano fresche (o sciroppate in inverno) per la finitura di torte e crostate o per il gelato, si utilizza la confettura per la farcitura di prodotti da forno, si utilizzano disidratate per insaporire pani dolci e se ne utilizza la polpa/succo per le caramelle gelatine.

Barbara Silanus

Barbara Silanus, classe 1983, ingegnere informatico ma da sempre appassionata di pasticceria.

Allieva di grandi maestri quali Luca Montersino, Stefano Laghi, Piergiorgio Giorilli e Gianluca Aresu, si occupa di pasticceria naturale e salutistica, con particolare attenzione alle intolleranze alimentari.

Oltre alla consulenza a pasticcerie e ristoranti, tiene corsi di formazione sull’argomento.

[ Facebook | Instagram | Twitter | LinkedIn | YouTube ]

Commenti su Facebook

Lascia Un Commento