Le cinque stagioni del cibo

Avete mai pensato che anche il nostro organismo segue le stagioni? Non conta solo quello che vediamo dalla finestra: le foglie che cadono in autunno, i fiocchi di neve d’inverno, il verde della primavera e il sole caldo dell’estate… Anche il nostro corpo cambia esattamente nello stesso modo seguendo le sue necessità in base al clima, ed è nostro compito assecondarlo in modo da preservarci dai tipici malanni stagionali.

In termini pratici questo comporta conoscere nel profondo noi stessi e le nostre esigenze, e avere rispetto delle stagioni quando andiamo a fare la spesa. Questo è un compito che spetta a noi perché al supermercato troveremo sempre tutto in tutte le stagioni.

Il primo passo è conoscere i prodotti di ogni stagione e verificare come assumendo certi cibi nel periodo giusto, il nostro fisico ne trae giovamento.

In questa ottica ci dà supporto la medicina orientale che fa delle stagioni la sua bandiera, dividendo le stagioni in cinque diverse energie, ovvero cinque stadi in cui ambiente e corpo si armonizzano:

  • Energia Legno (Fegato/Cistifellea) : corrisponde alla Primavera e al momento ideale per depurarsi grazie alla presenza di verdure a foglia verde.
  • Energia Fuoco (Cuore/Intestino Tenue): l’Estate, la stagione della gioia, caratterizzata da cotture brevissime, insalate e cereali come quinoa e amaranto.
  • Energia Terra (Stomaco/Pancreas): la quinta stagione, ovvero una fase di raccolta delle energie. Caratterizzata da consistenze cremose date da cotture più lunghe e da verdure tonde e dolci come la zucca.
  • Energia Metallo (Polmoni/Intestino crasso): l’Autunno, una fase di riposo, caratterizzata da lunghe cotture e da radici come ravanelli, rape e daikon
  • Energia Acqua(Reni/Vescica): l’Inverno, l’energia più forte di tutte, quella più contratta, caratterizzata da cibi riscaldanti come il grano saraceno e radici come la carota o la bardana.

Ogni energia crea e nutre l’energia successiva, e questo impatta anche sui nostri organi principali a cui ogni energia è associata.

Questo schema semplificato ci mostra quali sono gli alimenti più caratteristici per ogni fase, di cui possiamo farne un uso regolare (quotidiano) in quella determinata stagione, ma non solo vediamo anche uno stile di cottura. E anche qui possiamo notare la tendenza nell’assecondare il nostro corpo, infatti nella stagione fredda quando abbiamo bisogno di riscaldarci è bene preferire cotture lunghe, mentre man mano che ci avviciniamo all’Estate le cotture diventano via via più brevi fino ad arrivare al crudo perché la nostra esigenza è quella di rinfrescarci.

Con questa visione possiamo costruire delle nuove buone abitudini che ci condurranno al benessere e anche al buon gusto visto che gli ingredienti di stagione sono sempre i più buoni!

Per imparare a capire le stagioni, i piatti e i dolci appropriati per stare bene e per essere anche appagati, senza estremismi e divieti ho pensato di unire le forze con una cara amica e collega, Jessica Di Paola Torelli, con cui abbiamo realizzato un percorso di 5 incontri mirati alla preparazione di menu e dolci ad hoc. Trovate tutte le informazioni su questa serie di incontri nella pagina del calendario.

Barbara Silanus

Barbara Silanus, classe 1983, ingegnere informatico ma da sempre appassionata di pasticceria.

Allieva di grandi maestri quali Luca Montersino, Stefano Laghi, Piergiorgio Giorilli e Gianluca Aresu, si occupa di pasticceria naturale e salutistica, con particolare attenzione alle intolleranze alimentari.

Oltre alla consulenza a pasticcerie e ristoranti, tiene corsi di formazione sull'argomento.

[ Facebook | Instagram | Twitter | LinkedIn | YouTube ]

Lascia Un Commento